III. GEOGRAFIA IL CICLO DELL'ACQUA

Site Team

 

III. GEOGRAFIA
IL CICLO DELL'ACQUA
 
 
Nel 1580, Bernard Palissy era il primo uomo a descrivere il concetto 'del ciclo dell'acqua '. Ha descritto come l'acqua si volatilizza dagli oceani e si raffredda per formare le nubi. Le nubi si spostano all’interno dove loro aumentano, si condensano e cadono come pioggia. Questa acqua si riunisce come i laghi e flussi e scorre di nuovo all'oceano in un ciclo continuo. Nel settimo secolo B.C., Thales di Miletus credeva che lo spruzzo di superficie degli oceani fosse preso dal vento e trasportato nell’entroterra per cadere come pioggia. Nei periodi precedenti la gente non conosceva la fonte di acqua sotterranea. Pensarono che l'acqua degli oceani, sotto l'effetto dei venti, si spinse verso l’entroterra dei continenti. Inoltre credevano che l'acqua ritornasse da un passaggio segreto, o al Grande Abisso. Questo passaggio è collegato agli oceani ed è stato chiamato il ‘Tartarus’, sin dai tempi di Platone. Persino Descartes, grande pensatore del diciottesimo secolo, la pensa a questo modo. Fino al diciannovesimo secolo, la teoria di Aristotele era prevalente. Secondo questa teoria, l'acqua è stata condensata nelle grotte fredde della montagna e formato i laghi sotterranei che hanno alimentato le sorgenti. Oggi, sappiamo che l'acqua piovana che si filtra nelle crepe della terra è responsabile di ciò.
 
 
 
Il ciclo dell'acqua è descritto dal Corano nei seguenti versetti:
"Non vedi dunque che Allah ha fatto scendere l’acqua dal cielo e poi l’ha guidata, nella terra, verso fonti sgorganti; quindi per suo tramite fa germinare graminacee dai diversi colori." [ Corano 39:21 ]
"E fa parte dei Suoi segni farvi scorgere il lampo, con timore e brama, e far scendere dal cielo l’acqua con la quale ridà vita alla terra che già era morta. Ecco davvero segni per coloro che ragionano."
[ Corano 30:24 ]
 
 
"E facemmo scendere l’acqua dal cielo in quantità misurata e la mantenemmo sulla terra, anche se abbiamo la capacità di farla sparire." [ Corano 23:18 ]
Nessun altro testo precedente a 1400 anni fa dà descrizione così esatta del ciclo dell'acqua.
I VENTI IMPREGNANO LE NUBI
" I venti mandammo, portatori di fertilità, e dal cielo facemmo scendere l'acqua con la quale vi dissetiamo e che non sapreste conservare (nell'abbondanza)."
[ Corano 15:22]
 
 
La parola araba usata qui è lawâqih, che è il plurale di laqih dal laqaha, che significa impregnare o fecondare. In questo contesto, impregnare significa che il vento spinge le nubi che aumentano insieme la condensazione che causa il lampo e così piove. Una descrizione simile è trovata nel Corano: " Allah è Colui che invia i venti che sollevano una nuvola; la distende poi nel cielo come vuole e la frantuma, e vedi allora le gocce uscire da suoi recessi. Quando poi ha fatto sì che cadano su chi vuole tra i Suoi servitori, questi ne traggono lieta novella,"
[ Corano 30:48 ]
 
 
Le descrizioni Coraniche sono assolutamente esatte e acconsentono perfettamente con i dati moderni sull'idrologia. Il ciclo dell'acqua è descritto in parecchi versetti del Glorioso Corano, compreso 3:9, 7:57, 13:17, 25:48- 49, 36:34, 50:9-11, 56:68-70, 67:30 e 86:11.
 

Related Articles with III. GEOGRAFIA IL CICLO DELL'ACQUA