Il Sistema Morale dell’ Islam (parte 2 di 2): Esortazioni Morali

Site Team

 

Coscienza di Dio

Il Corano parla di questo come la più alta qualità di un Musulmano:

"Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme." (Interpretazione del significato del Corano, Sura XLIX, Al-Hujurât, Le Stanze Intime, v.13)

Umiltà, modestia, il controllo delle passioni e dei desideri, la veridicità, l'integrità, la pazienza, la costanza, e ciò che soddisfa, sono valori morali che vengono enfatizzati più e più volte nel Corano:

"Allah ama i perseveranti." (Interpretazione del significato del Corano, Sura III, Âl 'Imrân, La Famiglia di Imran, v.146)

"Affrettatevi al perdono del vostro Signore e al Giardino vasto come i cieli e la terra, che è preparato per i timorati, quelli che donano nella buona e nella cattiva sorte, per quelli che controllano la loro collera e perdonano agli altri, poiché Allah ama chi opera il bene." (Interpretazione del significato del Corano, Sura III, Âl 'Imrân, La Famiglia di Imran, vv.133-134)


"O figlio mio, assolvi all'orazione, raccomanda le buone consuetudini e proibisci il biasimevole e sopporta con pazienza quello che ti succede: questo il comportamento da tenere in ogni impresa. Non voltare la tua guancia dagli uomini e non calpestare la terra con arroganza: in verità Allah non ama il superbo vanaglorioso. Sii modesto nel camminare e abbassa la tua voce: invero la più sgradevole delle voci è quella dell'asino." (Interpretazione del significato del Corano, Sura XXXI, Luqmân, vv.17-19)

In un certo senso che riassume il comportamento morale di un musulmano, il Profeta (la misericordia di Dio e benedizioni su di lui) disse:

"Il mio Sostenitore mi ha dato nove comandi: di essere sempre consapevole di Dio, sia in privato o in pubblico, di parlare giustamente, sia che sia arrabbiato o felice, di mostrare moderazione sia quando povero e quando ricchi, di fare pace con coloro con cui si litiga, di dare a chi mi rifiuta, che il mio silenzio sia occupato con il pensiero, che la mia ricerca sia un monito, e che io comandi ciò che è giusto."

Responsabilità sociale

Gli insegnamenti dell'Islam in materia di responsabilità sociale si basano sulla gentilezza e la considerazione degli altri. Dal momento che un’ingiunzione generica come ad esempio l’essere gentili, può essere ignorata in situazioni specifiche, l'Islam pone l'accento su specifici atti di gentilezza e definisce le responsabilità e diritti nell'ambito di rapporti diversi. In una ampia gamma di rapporti, poi, il nostro primo dovere è quello verso i parenti più prossimi come i  genitori, il coniuge ed i figli, e poi gli altri parenti, come i vicini di casa, gli amici e i conoscenti, gli orfani e le vedove, i bisognosi della comunità, i nostri fratelli musulmani, tutti gli altri esseri umani, e gli animali.


Genitori

Il rispetto e la cura per i genitori sono evidenziati nell'insegnamento islamico e rappresentano l’espressione della fede di un musulmano.

"Il tuo Signore ha decretato di non adorare altri che Lui e di trattare bene i vostri genitori. Se uno di loro, o entrambi, dovessero invecchiare presso di te, non dir loro "uff!" e non li rimproverare; ma parla loro con rispetto, e inclina con bontà, verso di loro, l'ala della tenerezza; e di': ‘O Signore, sii misericordioso nei loro confronti, come essi lo sono stati nei miei, allevandomi quando ero piccolo.’" (Interpretazione del significato del Corano, Sura XVII, Al Isrâ', Il Viaggio Notturno, vv.23-24)

Altri parenti

"Rendi il loro diritto ai parenti, ai poveri e al viandante, senza (per questo) essere prodigo." (Interpretazione del significato del Corano, Sura XVII, Al Isrâ', Il Viaggio Notturno, v. 26)


Vicinato

Il Profeta (che la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) disse:

"Non è un credente colui che mangia e si sazia mentre il suo vicino di casa accanto a lui ha fame." (Al-Mundhiri)

"Egli non crede i cui vicini non sono al sicuro dalla sua condotta pregiudizievole." (Sahiih al-Bukhari)

In realtà, secondo il Corano e la Sunna, un musulmano deve adempiere alla propria responsabilità morale non solo nei confronti dei suoi genitori, parenti e vicini di casa, ma nei confronti dell'umanità intera,degli animali e degli alberi e delle piante. Per esempio, la caccia di uccelli e animali per il bene del gioco non è permesso. Allo stesso modo, tagliando gli alberi e le piante che producono frutti è vietato a meno che non vi sia una necessità urgente per esso.

Pertanto, le caratteristiche morali di base, l'Islam costruisce un sistema più alto di moralità in virtù del quale l'uomo può realizzare il suo massimo potenziale. L’Islam purifica l'anima dall’ egoismo, dalla tirannia, dai vizi e dall’indisciplina, ponendo le basi per uomini coscienti e consapevoli di Dio, devoti ai loro ideali, in possesso di pietà, astinenza, disciplina e che non cedono a compromessi con la menzogna. Induce sentimenti di responsabilità morale e promuove la capacità di auto-controllo. L’Islam genera benevolenza, bontà, misericordia, compassione, pace, buona volontà disinteressata, scrupolosa correttezza e veridicità nei confronti di tutta la creazione in tutte le situazioni. Nutre l’individuo di nobili qualità, da cui ci si può aspettare solo del bene.

Related Articles with Il Sistema Morale dell’ Islam (parte 2 di 2): Esortazioni Morali