Il viaggio nell’aldilà (parte 6 di 8): Il miscredente al Giorno del Giudizio

Site Team

Un grande terrore assalirà i risorti nel Giorno della Resurrezione:

"…Concede loro una dilazione fino al Giorno in cui i loro sguardi saranno sbarrati." (Corano 14:42)

 


Il miscredente risorgerà dalla sua 'tomba', come descritto da Dio :

"Il Giorno in cui usciranno dalle tombe in fretta, come se corressero verso pietre drizzate, con gli sguardi umili, coperti di vergogna: questo è il Giorno che è stato loro promesso ." (Corano 70:43)


Il cuore tremerà, confuso sulla male punizione che gli attende:

"E ci saranno, in quel Giorno, volti terrei coperti di tenebre: sono i miscredenti, i peccatori ." (Corano 80:40-42)


"E non credere che Allah sia disattento a quello che fanno gli iniqui. Concede loro una dilazione fino al Giorno in cui i loro sguardi saranno sbarrati. Verranno umiliati, la testa immobile, gli occhi fissi, il cuore smarrito." (Corano 14:42-43)

I miscredenti saranno riuniti, come sono nati - nudi e non circoncisi - su una grande pianura, tirati sui loro volti, ciechi, sordi e muti:


"Nel Giorno della Resurrezione li riuniremo (trascinandoli) sui loro volti, ciechi, muti e sordi. L'Inferno sarà la loro dimora e ogni volta che si raffredderà, ne ravviveremo le fiamme." (Corano 17:97)

 


"Chi si sottrae al Mio Monito, avrà davvero vita miserabile e sarà resuscitato cieco nel Giorno della Resurrezione ." (Corano 20:124)


Tre volte  "incontreranno" Dio. La prima volta tenteranno di difendersi con argomenti untili contro Dio l'Onnipotente, dicendo cose come: "I profeti non giunsero a noi!" Anche se Allah rivelò nel Suo Libro:


"…Non castigheremo alcun popolo senza prima inviar loro un messaggero." (Corano 17:15)

"…Affinché non diciate: ‘Non ci è giunto nunzio né ammonitore ….’" (Corano 5:19)  :

La seconda volta, presenteranno le loro scuse, pur riconoscendo la loro colpa. Anche i diavoli cercheranno di scusarsi dai loro crimini, avendo condotto gli uomini al disguido dalla corretta via:


"Dirà il suo compagno: ‘Signore, non sono stato io ad incitarlo alla ribellione, già era profondamente traviato.’" (Corano 50:27)


Ma Dio, Altissimo e Giusto, non sarà ingannato. Dirà:

"Non polemizzate al Mio cospetto: già vi resi nota la minaccia. Di fronte a Me la sentenza non cambia, né sono ingiusto verso i Miei servi." (Corano 50:28-29)


La terza volta l'anima malvagia incontrerà il suo Creatore per ricevere il suo Libro delle Opere[1], un resoconto che non omette nulla.


"E vi si consegnerà il Registro. Allora vedrai gli empi sconvolti, da quel che contiene. Diranno: ‘Guai a noi! Cos'è questo Registro, che non lascia passare azione piccola o grande, senza computarla!’ E vi troveranno segnato, tutto quello che avranno fatto. Il tuo Signore non farà torto ad alcuno." (Corano 18:49) 


Dopo aver ricevuto il loro reseconto, i malvagi saranno rimproverati di fronte all'umanità intera


"Compariranno in file, schierate davanti al tuo Signore: ‘Eccovi ritornati a Noi come vi creammo la prima volta. ’ E invece pretendevate che mai vi avremmo fissato un termine?" (Corano 18:48)

 


Il profeta Mohammed disse: "Questi sono quelli che non credevano in Dio!"[2]    E sono coloro che Dio domanderà per quanto riguarda le benedizioni che davono per scontato. Ognuno sarà chiesto: ‘Hai pensato che ci saremmo incontrati?’ E ognuno risponderà: ‘No!’ Dio gli dirà: ‘Io mi dimenticherò di te come tu ti sei dimenticato di Me!’[3] Poi, quando il miscredente tenterà a mentire per la sua via d'uscita, Dio sigillerà la sua bocca, e le sue parti del corpo testimonieranno contro di lui.


"In quel Giorno sigilleremo le loro bocche, parleranno invece le loro mani e le loro gambe daranno testimonianza di quello che avranno fatto." (Corano 36:65)


Oltre ai propri peccati, il miscredente porterà i peccati di coloro che ingannò.

"Quando viene chiesto loro: 'Cos'è quel che ha fatto scendere il vostro Signore?', rispondono: 'Favole degli antichi'. Nel Giorno della Resurrezione, porteranno tutto il loro carico e pure una parte di quello di coloro che, per ignoranza, sviarono. Quanto è orribile il loro fardello." (Corano 16:24-25)

Il dolore psicologico d'umiliazione, di solitudine e di abbandono verranno aggiunti alla tortura fisica.

"…Dio non parlerà loro, né li guarderà nel Giorno della Resurrezione, non li purificherà e avranno doloroso castigo." (Corano 3:77)

Mentre il Profeta Muhammad intercederà per conto di tutti i credenti, il miscredente non troverà alcun intercessore, colui che adorava false divinità oltre a l'Uno e il Vero Dio.[4]

"…Gli ingiusti non avranno né patrono né alleato." (Corano 42:8)

 


I loro santi e i consulenti spirituali si dissoceranno, e il miscredente vorrebbe poter tornare in questa vita e fare lo stesso a coloro che ora lo rinnegano :


"Quando, alla vista del castigo, i seguiti sconfesseranno i loro seguaci, quando ogni legame sarà spezzato, diranno i seguaci: 'Ah, se avessimo la possibilità di tornare indietro! Li abbandoneremmo come ci hanno abbandonati!'. Così Allah li metterà di fronte alle loro azioni affinché si rammarichino. Non usciranno dal Fuoco." (Corano 2:167)


La pena dell'anima peccatrice sarà così intensa che infine pregherà: ‘O Dio, abbi pietà di me e buttami nel Fuoco.’[5] Sarà chiesta: ‘Desideri di possedere un mondo pieno di oro in modo che tu possa pagare per liberarti?’ A cui risponderà: ‘Sì’ Dopodiciò le sarà detto: ‘Ti è stato chiesto qualcosa di molto più facile di – di adorare esclusivamente Dio.’[6]

 

 "Eppure non ricevettero altro comando che adorare Allah, tributandoGli un culto esclusivo e sincero,  eseguire l'orazione…" (Corano 98:5)

"Quanto a coloro che sono miscredenti, le loro opere sono come un miraggio in una piana desertica che l'assetato scambia per acqua e poi, quando vi giunge, non trova nulla; anzi, nei pressi trova Allah che gli salda il conto. Allah è rapido al conto.." (Corano 24:39)


"Abbiamo giudicato le loro opere e ne abbiamo fatto polvere dispersa.." (Corano 25:23)

L'anima infedele riceverà, nella sua mano sinistra e dietro la schiena, il suo rapporto scritto, che è stato conservato da angeli che hanno preso nota di ogni sua azione durante la sua vita terrena.

 


"Chi invece avrà ricevuto il suo libro nella mano sinistra, dirà: ‘Ahimè, se solo non mi fosse stato consegnato il mio libro e non avessi conosciuto il mio rendiconto.’" (Corano 69:25-26)

"Quanto a colui che riceverà il suo libro da dietro le spalle, invocherà l'annientamento." (Corano 84:10-11)

Infine, verrà condotto all'Inferno:

 


"I miscredenti saranno condotti in gruppi all'Inferno. Quando vi giungeranno saranno aperte le sue porte e i suoi guardiani diranno: ‘Non vi giunsero forse i messaggeri della vostra gente, che vi recitarono i versetti del vostro Signore e vi avvertirono dell'incontro di questo Giorno?’ Risponderanno: ‘Sì, ma la promessa del castigo si realizza contro i miscredenti.’" (Corano 39:71)


I primi ad entrare all'inferno saranno dei pagani, seguiti da Ebrei e Cristiani che hanno falsificato la vera religione dei loro profeti.[7] Alcuni saranno guidati all'inferno, altri cadranno in esso, tirati da ganci.[8] A quel punto, il miscredente desiderà di essere trasformato in polvere, piuttosto che raccogliere i frutti amari delle sue opere malvagie.

 


"In verità vi abbiamo avvertito di un castigo imminente, il Giorno in cui l'uomo vedrà quello che le sue mani avranno preparato e dirà il miscredente: ‘Ahimè, fossi io polvere!’" (Corano 78:40)

 

 



Nota:

[1] Ibn Majah, Musnad, and Al-Tirmidhi.

[2] Sahih Muslim.

[3] Sahih Muslim.

[4] Sahih Al-Bukhari.

[5] Tabarani.

[6] Sahih Al-Bukhari.

[7] Sahih Al-Bukhari.

[8] Al-Tirmidhi.

Related Articles with Il viaggio nell’aldilà (parte 6 di 8): Il miscredente al Giorno del Giudizio