Il viaggio nell’aldilà (parte 7 di 8): Il miscredente e l’inferno

Site Team

L'inferno riceverà gli infedeli con la sua furia e il suo crepitio:

"…Per coloro che tacciano di menzogna l'Ora, abbiamo preparato la Fiamma; e quando li vedrà da lontano, potranno sentirne la furia e il crepitio" (Corano 25:11-12)


Quando si avvicineranno ad esso, le loro catene e il loro destino li apetteranno come combustibile:


"In verità abbiamo preparato per i miscredenti catene, ghioghi e la Fiamma." (Corano 76:4)

"Invero presso di Noi ci sono catene e la Fornace." (Corano 73:12)

Angeli si affretteranno a comando di Dio di afferrarlo e di incatenarlo:

"Afferratelo e mettetelo nei ceppi." (Corano 69:30)

"…porremo i gioghi al collo dei miscredenti." (Corano 34:33)

Legato a catene…


"…e poi legatelo con una catena di settanta cubiti." (Quran 69:32)

…egli sarà trascinato:


"Quando avranno gioghi ai colli e saranno trascinati in catene." (Corano 40:71)

Mentre vengono legati, incatenati e trascinati per essere gettati all'Inferno, udiranno la sua rabbia:

"Per coloro che non credono nel loro Signore, c'è il castigo dell'Inferno: qual tristo divenire! Quando vi sono precipitati, ne sentono il fragore mentre ribolle: manca poco a che scoppi di rabbia..." (Corano 67:6-8)


Da quando sono stati guidati dalla grande pianura dell'adunanza, nudi e affamati, essi pregano gli abitanti del Paradiso per l'acqua:


"E i compagni del Fuoco grideranno ai compagni del Giardino: ‘Versate acqua su di noi e parte del cibo che Allah vi ha concesso’" (Corano 7:50)

Allo stesso tempo i fedeli in Paradiso saranno accolti con onore, sarà reso comodo a loro, servendo deliziosi banchetti, i miscredenti ceneranno all'Inferno:

"Quindi in verità voi traviati, voi negatori, mangerete dall'albero Zaqqûm, ve ne riempirete il ventre." (Corano 56:51-53)

Zaqqum: un albero le cui radici sono al fondo dell'inferno e che si dirama nei suoi altri livelli, i suoi frutti assomogliano alle teste dei diavoli:

"Questa è miglior accoglienza, oppure l'albero di Zaqqûm? In verità ne abbiamo fatto una prova per gli ingiusti. È un albero che spunta dal fondo della Fornace. I suoi frutti sono come teste di diavoli. Essi né mangeranno e se né riempiranno i ventri " (Corano 37:62-66)

I malvagi avranno anche altri alimenti da mangiare, simile a vomito,[1] e alcuni avranno secchi, e spinosi arbusti [2]


"Né altro cibo che sanie che solo i colpevoli mangeranno." (Corano 69:36-37)

E per fare scendere giù i loro pasti monotoni,  bevono un composto freddo del proprio pus,[3] sangue, sudore e il flusso della ferita come anche acqua bollente che scioglie i loro intestini:

 "…e che verranno abbeverati di un'acqua bollente che devasterà le loro viscere." (Corano 47:15)

L'abbigliamento degli abitanti dell'inferno saranno di fuoco e di pece:

"...ai miscredenti saranno tagliate vesti di fuoco." (Corano 22:19)

"Con vesti di catrame e i volti in fiamme." (Corano 14:50)

I loro sandali,[4] letto, e tettoia saranno altresì fatti di fuoco;[5] una punizione che incapsula l'intero corpo, dall'incurante testa ai piedi:

"E gli si versi sul capo il castigo dell'acqua bollente." (Corano 44:48)

 

La loro punizione nell'Inferno varierà in base alla loro incredulità e altri peccati.

"No, sarà certamente gettato nella Voragine. E chi mai ti farà comprendere cos’è la Voragine? (È) il Fuoco attizzato di Allah, che consuma i cuori. Invero (si chiuderà) su di loro, in estese colonne." (Corano 104:4-9)


Ogni volta che la pelle brucerà, sarà aggiunta pelle nuova:

"Presto getteremo nel Fuoco coloro che smentiscono i Nostri segni. Ogni volta che la loro pelle sarà consumata, ne daremo loro un'altra, sì che gustino il tormento. In verità Allah è Eccelso e Saggio." (Corano 4:56)


Il peggio di tutto, la punizione continuerà ad aumentare:

"E allora gustate (il tormento)! A voi non accresceremo null'altro che il castigo ." (Corano 78:30)

L'effetto psicologico di questo castigo sarà tremendo. Un castigo così grave che i sofferenti grideranno in modo che il castigo sarà moltiplicato su quelli che li hanno condotto al male:

"Diranno: ‘Signore, raddoppia il castigo nel Fuoco a chiunque ce lo abbia preparato.’" (Corano 38:61)

I disperati faranno il loro primo tentativo di uscire, ma:

"Subiranno mazze di ferro, e ogni volta, che vorranno uscirne per la disperazione, vi saranno ricacciati: ‘Gustate il supplizio della Fornace!’"  (Corano 22:21-22)

Dopo aver fallito più volte, essi cercheranno assistenza da Ibliis, il Grande Satana.

"Quando tutto sarà concluso, dirà Satana: ‘Allah vi aveva fatto promessa sincera, mentre io vi ho fatto una promessa che non ho mantenuto. Qual potere avevo mai su di voi, se non quello di chiamarvi? E voi mi avete risposto. Non rimproverate me; rimproverate voi stessi. Io non posso esservi d'aiuto e voi non potete essermi d'aiuto. Rifiuto l'atto con cui mi avete associato ad Allah in precedenza". In verità, gli iniqui (avranno) doloroso castigo’" (Quran 14:22)

Dopo aver rinunciato a Satana, si rivolgeranno agli angeli, che sorvegliano l'inferno, per ridurre il loro tormento, anche per un solo giorno:

"Coloro che saranno nel Fuoco diranno ai guardiani dell'Inferno: ‘Pregate il vostro Signore, ché ci sollevi dal castigo, [anche] di un [solo] giorno.’" (Quran 40:49)


In attesa alla risposta finchè Dio vuole, le guardie torneranno e chiederanno:

"‘Non vi recarono le prove evidenti i vostri messaggeri?’ Diranno: ‘Sì!’ E quelli:‘Invocate allora! Ma l'invocazione dei miscredenti è destinata al fallimento.’" (Corano 40:50)

Avendo perso la speranza nella riduzione della pena, cercheranno la morte. Questa volta si rivolgeranno al Capo dell'Inferno, l'angelo Malik, chiedendolo per quarant'anni:

"Urleranno: O Mâlik, che ci finisca il tuo Signore!...’"

(Corano 43:77)


La sua risposta dopo mille anni sarà:

"…In verità siete qui per rimanervi." (Corano 43:77)

Eventualmente, torneranno a Colui Che si rifiutarono di rivolgersi in questo mondo, per chiedere un'ultima possibilità:

"Risponderanno:‘Nostro Signore, ha vinto la disgrazia, eravamo gente traviata. Signore, facci uscire di qui! Se poi persisteremo (nel peccato), saremo, allora, davvero ingiusti.’"

(Corano 23:106-107)

 


La risposta di Dio sarà:

"Rimanetevi e non parlateMi più." (Corano 23:108)

Il dolore di questa risposta sarà peggiore del loro tormento infuocato. Il miscredente riconoscerà, che il suo soggiorno sarà nell'Inferno per l'eternità, e la sua omissione dal Paradiso è assoluta e definitiva:

"Sì, coloro che sono miscredenti e sono ingiusti, Allah non li perdonerà e non mostrerà loro altra via, eccetto la via dell'Inferno dove rimarranno in perpetuo. E ciò è facile ad Allah." (Corano 4:168-169)

La più grande privazione e dolore per un miscredente sarà spirituale: egli sarà velato da Dio e non gli sarà concesso ​​di vederLo:

"Niente affatto: in verità in quel Giorno un velo li escluderà dal vedere il loro Signore,." (Corano 83:15)

Proprio come si sono rifiutati di "vedere" Lui in questa vita, saranno separati da Dio nella prossima vita. I fedeli li prenderanno giro.


"Oggi invece sono i credenti a ridere dei miscredenti: (appoggiati) su alti divani guarderanno. I miscredenti non sono forse compensati per quello che hanno fatto?" (Quran 83:34-36)

La loro totale disperazione e il dolore che culminerà quando la morte verrà portata sotto forma di un ariete e verrà uccisa di fronte a loro, in modo che sappiano che non ci sarà via di scampo in una soluzione finale.


"Avvertili del Giorno del Rimorso, in cui sarà emesso l'Ordine, mentre essi saranno distratti e non credenti!" (Corano 19:39)

 



Nota:

[1] Corano 72:13.

[2] Corano 88:6-7.

[3] Corano 78:24-25.

[4] Sahiih Muslim.

[5] Corano 7:41.

Related Articles with Il viaggio nell’aldilà (parte 7 di 8): Il miscredente e l’inferno