L'islam ha lottato contro lo schiavismo e prescrive l'affrancamento degli schiavi in compenso dell'ingresso in paradiso

Site Team

 

* L'islam ha lottato contro lo schiavismo e prescrive l'affrancamento degli schiavi in compenso dell'ingresso in paradiso; il profeta disse infatti: "A chi libera uno schiavo, Allah libera dall'inferno ogni membro del suo corpo compreso l'organo genitale." (Muslim n° 1509) L'islam ha vietato ogni forma di schiavismo ad eccezione di quella eseguita in condizioni di guerra: solo i prigionieri di guerra è lecito ridurli in schiavitù, se il capo dei musulmani lo decide. Ma anche i prigionieri di guerra sono previsti dall'islam e il loro trattamento è diverso secondo i casi. Allah dice nel (Corano 47:4) "Quando [in combattimento] incontrate i miscredenti, colpiteli al collo finché non li abbiate soggiogati, poi legateli strettamente. In seguito liberateli graziosamente o in cambio di un riscatto, finché la guerra non abbia fine." Così l'islam ha ristretto le possibilità dello schiavismo lasciando solo una via; d'altra parte, ha diversificato e moltiplicato le forme di affrancamento degli schiavi corrispondentemente ai peccati commessi dai musulmani. Indichiamo in seguito alcuni esempi:
 
 
 
- l'omicidio involontario: Allah dice nel (Corano 4:92) "Il credente non deve uccidere il credente, se non per errore. Chi, involontariamente, uccide un credente, affranchi uno schiavo credente e versi alla famiglia [della vittima] il prezzo del sangue, a meno che essi non vi rinuncino caritatevolmente. Se il morto, seppur credente, apparteneva a gente vostra nemica, venga affrancato uno schiavo credente. Se apparteneva a gente con la quale avete stipulato un patto, venga versato il prezzo del sangue alla [sua] famiglia e si affranchi uno schiavo credente."
 
 
- lo spergiuro: Allah Eccelso dice nel (Corano 5: 89) "Allah non vi punirà per una avventatezza nei vostri giuramenti, ma vi punirà per i giuramenti che avete ponderato. L'espiazione consisterà nel nutrire dieci poveri con il cibo consueto con cui nutrite la vostra famiglia, o nel vestirli, o nel liberare uno schiavo. E chi non ha i mezzi di farlo, digiuni allora per tre giorni. Ecco l'espiazione per i giuramenti che avrete disatteso. Tenete fede ai giuramenti!Così Allah vi spiega i Suoi segni affinché, siate riconoscenti."
 
 
- il ripudio dhihar: Allah Altissimo dice nel Corano infatti (Il Corano 58: 3) "Coloro che paragonano le loro mogli alla schiena delle loro madri e poi si pentono di quello che hanno detto, liberino uno schiavo prima di riprendere i rapporti coniugali. Siete esortati a far ciò. Allah è ben informato di quello che fate."
 
 
 
- espiazione del rapporto sessuale consumato in pieno giorno del mese di ramadan: Abu Hureira
 
 
– Allah sia soddisfatto di lui- riferisce che un uomo ebbe un rapporto con la moglie in piena giornata di Ramadan e venne a consultarsi con il Profeta. Il Profeta gli ordinò "di affrancare uno schiavo, o di osservare
 
 
per due mesi consecutivi il digiuno, o di dare da mangiare a sessanta poveri bisognosi." (Muslim n° 1111) - espiazione dell'aggressione fatta allo schiavo stesso: il profeta disse: "Colui che picchia o dà uno schiaffo ad un suo schiavo, per espiazione lo deve affrancare." (Muslm n° 1657)
 
 
 

Related Articles with L'islam ha lottato contro lo schiavismo e prescrive l'affrancamento degli schiavi in compenso dell'ingresso in paradiso