La fede nelle Scritture

Site Team

La fede nelle Scritture rivelate da Dio è il terzo articolo di fede islamica.

Possiamo identificare quattro ragioni principali per la rivelazione delle scritture:


(1)  La scrittura che è stata rivelata a un profeta è un punto di riferimento per imparare la religione e gli obblighi verso Dio e verso gli altri esseri umani. Dio Si rivela e spiega lo scopo della creazione umana attraverso scritture rivelate.


(2)  Facendo riferimento ad essa, i conflitti e le differenze tra i suoi seguaci sulle  materie di fede e le pratiche religiose o sociali possano essere risolte.


(3)  Le Scritture hanno lo scopo di proteggere la religione dalla corruzione e dal deterioramento, almeno per il periodo successivo alla morte del profeta. Oggigiorno, il Corano che è stato rivelato al nostro Profeta Muhammad, che la misericordia e la benedizione di Dio siano su di lui, è l'unica scrittura  rimasta al sicuro dalla corruzione.


(4)  Le Scritture servono anche come prova di Dio, contro gli esseri umani. Essi non possono opporsi o infrangere le regole che essi contengono.


Un musulmano crede fermamente che i libri divini sono stati rivelati da Dio il Misericordioso ai Suoi profeti, per guidare l'umanità. Il Corano non è l'unica Parola di Dio, ma Dio ha parlato ai profeti prima del Profeta Maometto.


“…e Allah parlò direttamente a Mosè..” (Corano 4:164)

Dio descrive i veri credenti sono coloro che:

“…credono in ciò che è stato fatto scendere su di te (Muhammad) e in ciò che è stato fatto scendere prima di te…” (Corano 2:4)


Il messaggio più importante e centrale di tutte le Scritture era di adorare Dio e solo Dio.

“Non inviammo prima di te nessun messaggero senza rivelargli: ‘Non c'è altro dio che Me. AdorateMi!’” (Corano 21:25)


L'islam, è molto più completo di qualsiasi altra religione celeste rivelata, in quanto riconosce le loro rivelazioni nella loro forma originale.

I musulmani sostengono e rispettano le seguenti scritture:


(i)   Lo stesso Corano, rivelato al Profeta Maometto.

(ii)  La Torà (Tawrah in arabo) rivelata al Profeta Mosé (diversa dal Vecchio  Testamento letto oggi).

(iii) Il Vangelo (Injiil in arabo) rivelato al Profeta Gesù (diverso dal Nuovo Testamento, letto nelle chiese di oggi).

(iv) I Salmi (Zaboor in arabo) di Davide.

(v)  Le Pergamene (Suhuf in arabo) di Mosè e di Abramo.

 


 

In terzo luogo, i musulmani credono ciò che è vero in esse e non sia stato alterato o volutamente frainteso.


In quarto luogo, l'Islam afferma che Dio ha rivelato il Corano come testimone sulle Scritture precedenti e conferma di esse, perché Egli vi dice:


“E su di te (O Muhammad) abbiamo fatto scendere il Libro con la Verità, a conferma della Scrittura che era scesa in precedenza e lo abbiamo preservato da ogni alterazione…” (Corano 5:48)


Significa che il Corano conferma tutto ciò che è vero nelle scritture precedenti e respinge tutte le alterazioni e i cambiamenti che gli uomini hanno fatto.

 


Scritture originali e la Bibbia


Dobbiamo distinguere tra due questioni: la Torà originale, il Vangelo e i Salmi e la Bibbia odierna. Gli originali sono stati la rivelazione di Dio, ma la Bibbia odierna non è l'esatta scrittura originale.


Non esiste oggi una Scrittura divina in lingua originale come è stata rivelata, ad eccezione del Corano. La Bibbia non è stata rivelata in lingua italiana. Diversi libri della Bibbia sono oggi nel migliore dei modi traduzioni terziarie ed esistono diverse versioni. Queste varie traduzioni sono state fatte da persone la cui conoscenza, competenza, onestà non è nota.  Come risultato, alcune Bibbie sono più grandi rispetto ad altre e hanno contraddizioni e  incongruenze interne! Non esistono originali. Il Corano, invece, è l'unica scrittura, che è ancora oggi nella sua lingua originale e non è mai stato alterato. Non una lettera del Corano è stata modificata dopo la sua rivelazione.  E 'internamente coerente, senza contraddizioni.Il Corano che troviamo oggi è lo stesso di quello che è stato rivelato 1400 anni fà ed è stato trasmesso da una forte tradizione di memorizzazione e tramite la scrittura. A differenza di altri testi sacri, il Corano è stato interamente memorizzato da quasi tutti gli studiosi musulmani e centinaia di migliaia di musulmani, generazione dopo generazione!


Le Scritture precedenti sono costituite essenzialmente da:

(i)   Storie della creazione dell'uomo e  popoli precedenti, profezie su ciò accadrà, come i segni prima del Giorno del Giudizio, la comparsa di nuovi profeti, e altre notizie.


Le storie, le profezie, e novità nella Bibbia lette oggi nelle chiese e sinagoghe, sono in parte vere e in parte false. Questi libri sono costituiti da alcuni frammenti tradotti dalla scrittura originale, rivelate da Dio, le parole di alcuni profeti, mischiati con spiegazioni di studiosi, errori degli scribi, e vere e proprie inserzioni dannose e cancellazioni. Il Corano, la scrittura finale e degno di fiducia, ci aiuta a dividere i fatti dalla finzione. Per un musulmano, è il criterio per distinguere la verità dalla menzogna in queste storie. Per esempio, la Bibbia contiene ancora alcuni passaggi chiari che indicano l'unicità di Dio. [1] Inoltre, alcune profezie riguardanti il profeta Maometto si trovano nella Bibbia. [2] Eppure, ci sono passaggi, anche libri interi, quasi interamente riconosciuti come falsi e opera degli uomini. [3]

 

 

(ii)  Leggi e sentenze, il permesso e il vietato, come la Legge di Mosè.

Se dovessimo assumere la legge, sia il lecito che il proibito, contenuti nei libri precedenti non ha sofferto la corruzione, il Corano abroga ancora di tali decisioni, si cancella la vecchia legge che era adatta per il suo tempo e non è più applicabile oggi . Ad esempio, le vecchie leggi relative al nutrimento, la preghiera rituale, il digiuno, l'eredità, il matrimonio e il divorzio sono stati cancellati (o, in molti casi, ribaditi) dalla legge islamica.

 


Il Santo Corano

Il Corano si distingue dall'altre scritture nei seguenti aspetti:

(1)  Il Corano è miracoloso e inimitabile. Nulla simile ad esso può essere prodotto da esseri umani.


(2) Dopo il Corano, non vi saranno più scritture rivelate da Dio. Così come il Profeta Maometto è l'ultimo profeta, anche il Corano è l'ultima scrittura.


(3) Dio ha promesso di proteggere il Corano contro le manomissioni e contro la corruzione. D'altra parte, le scritture precedenti subirono alterazioni e distorsioni e non rimasero nella loro forma originaria come furono rivelate.


(4)  Il Corano, per esempio, conferma le scritture precedenti e, per un altro, è un testimone affidabile su di esse.


(5)  ll Corano abroga le sentenze legislative contenute nelle Scritture precedenti e le rende inapplicabili. La legge delle scritture antiche non è più applicabile; le sentenze precedenti, sono state abrogate con la nuova legge dell'Islam.

 


Nota:

 

[1] Per esempio la dichiarazione di Mosè: “Ascolta, Israele: Il Signore, il nostro Dio, è l'unico Signore.” (Deuteronomio 6:4) e l’annuncio di Gesù: “...Il primo è: "Ascolta, Israele: Il Signore, nostro Dio, è l'unico Signore.” (Marco 12:29).

[1] Vedi (Deuteronomio 18:18), (Deuteronomio 33:1-2), (Isaia 28:11), (Isaia 42:1-13), (Abacuc 3:3), (Giovanni 16:13), (Giovanni 1:19-21), (Matteo 21:42-43), e di più.

[1]Per esempio , Vedi sotto i libri Apocrifi.

Related Articles with La fede nelle Scritture