Le grandi domande (parte 3 di 3): La necessità della rivelazione

Site Team

Nelle due parti precedenti di questa serie, abbiamo risposto alle due "grandi domande". Chi ci ha creato? Dio. Perché siamo qui? Per servirLo e adorarLo. Una terza domanda, naturalmente, è sorta: "Se il nostro Creatore ci ha fatto per servire e adorare Lui, come esaudire ciò? " Nel precedente articolo ho suggerito che l'unico modo in cui possiamo servire il nostro Creatore è attraverso l’obbedienza ai Suoi ordini, come ci è stato reso noto attraverso la rivelazione.


Ma molte persone sarebbero in dubbio per la mia affermazione: Perché l'umanità ha bisogno di una rivelazione? Non è sufficiente essere buono? Non è abbastanza per ciascuno di noi di adorare Dio a modo nostro?

 


Per quanto riguarda la necessità di una rivelazione, iniziamo con i seguenti punti: Nel primo articolo di questa serie ho accennato, che la vita è piena di ingiustizie, ma il nostro Creatore è equo e giusto ed Egli stabilisce la giustizia non solo in questa vita, ma anche nell'aldilà . Tuttavia, la giustizia non può essere stabilita senza quattro cose-una corte (cioè, il Giorno del Giudizio), un giudice (cioè, il Creatore); testimoni (cioè, uomini e donne, angeli, elementi della creazione), e un libro di leggi per valutare correttamente (cioè, rivelazione). Ora, come può il nostro Creatore stabilire la giustizia se Egli non avesse dato all'umanità  certe leggi nel corso della loro vita? Non è possibile. In tale scenario, invece di giustizia, Dio sarebbe ingiusto, perché Egli potrebbe punire le persone per  trasgressioni delle quali non avevano modo di sapere che erano reati.

 


Per quale altro motivo abbiamo bisogno di una rivelazione? Per cominciare, senza guida l'umanità non potrebbe nemmeno mettersi d'accordo sulle questioni economiche e sociali, la politica, le leggi, ecc. Quindi, come mettersi d'accordo su Dio? In secondo luogo, nessuno è capace di scrivere il manuale d’uso meglio del produttore. Dio è il Creatore, noi siamo la creazione, e nessuno conosce il sistema complessivo della creazione miglio del Creatore. Sono i dipendenti autorizzati a progettare le proprie descrizioni di lavoro, le paghe e i doveri come piace a loro? Possiamo noi cittadini scrivere le nostre leggi? No? E allora, perché dovrebbe essere permesso a noi di scrivere le nostre religioni? Se la storia ci ha insegnato qualcosa, è che le tragedie si ottengono quando l'uomo segue il suo propio capriccio. Quanti di coloro che hanno affermato sui loro banner la libertà di pensiero e hanno inventato religioni che ha portato se stessi e i loro seguaci a incubi sulla terra e a dannazione nell'aldilà?

 


Allora, perché non è sufficiente per essere buono? E perché non è abbastanza per ciascuno di noi, adorare Dio a modo nostro? Per cominciare, le definizioni dei popoli di cosa è "buono" si distinguono. Per alcuni significa  la buona morale e la vita pulita, per altri è follia e caos. Allo stesso modo, i concetti su come servire e adorare il nostro Creatore differiscono pure. Ancora più importante su questo punto, nessuno può entrare in un negozio o in un ristorante e pagare con una moneta diversa da quella accettata dal commerciante. Così è con la religione. Se la gente vuole, che Dio accetti la loro servitù e il loro culto, allora devono pagare con la moneta che Dio esige. E tale moneta è l'obbedienza alla sua rivelazione.


Immaginate di educare i figli in una casa nella quale sono state stabilite "le regole della casa". Poi, un giorno, uno dei tuoi figli ti dice che lui o lei ha cambiato le regole, e sta andando a fare le cose diversamente. Come rispondereste? Più che probabile, rispondersti dicendo: "Prendi le nuove regole e vai con esse all'inferno!" Beh, pensateci. Noi siamo la creazione di Dio, che vive nel suo universo sotto le sue regole, e "andare all'inferno" è molto probabile che Dio dirà ciò a chiunque pretende di ignorare le Sue leggi, inventandosi le proprie.

 


A questo punto la sincerità diventa un tema serioso. Dobbiamo riconoscere che ogni piacere è un dono del nostro Creatore, il Quale merita il ringraziamento. Se a qualcuno viene dato un regalo, chi usa lo prima di ringraziarsi? Eppure, molti di noi godono di questi doni che Dio ci ha donato, senza mai ringraziarsi durante tutta la vita. O più tardi. La poetesse inglese, Elizabeth Barrett Browning, ha parlato sull’ironia del richiamo dell'uomo disperato in The Cry of the Human:


And lips say "God be pitiful,"                             E le labbra dicono "Dio sii pietoso,"

Who ne’er said, "God be praised."            Chi ha mai disse: "Dio sia lodato."

Non dovremmo mostrare buone maniere e ringraziare il Creatore per i doni adesso, e successivamente per il resto della nostra vita? Non siamo in debito verso di Lui?


Hai risposto "Sì". Tu devi. Nessuno avrà letto fino a questo punto senza essere d'accordo, ma qui è il problema: Molti di voi avranno risposto "Sì", ben sapendo che il cuore e la mente non sono totalmente d'accordo con le vostre religioni. Accettate che siamo stati creati da un Creatore. Vi sforzate per capirLo. E avete la passione di servirLo e adorarLo nel modo che Egli prescrive. Ma non sapete come e non sapete dove cercare le risposte. E che, purtroppo, non è un argomento che può essere risolto in un articolo. Purtroppo, deve essere affrontato in un libro, o forse anche in una serie di libri.


La buona notizia è che ho scritto questi libri. Vi invito a iniziare con The Eighth Scroll. Se ti è piaciuto quello che ho scritto qui, vi piacerà quello che ho scritto lì.

 

Copyright © 2007 Dr.  Laurence B.  Brown; utilizzato previa autorizzazione.

Dr. Brown è l'autore di The Eighth Scroll, descritto da Larry Shaw, senatore dello stato del North Carolina, come "Indiana Jones incontra Il Codice Da Vinci. The Eighth Scroll è un respiro trattenuto, nocche bianche, un thriller che sfida la visione occidentale dell'umanità, storia e religione. Bar none, il miglior libro nella sua categoria! "Dr. Brown è anche l'autore di tre libri scolastici di religione comparata, MisGod'ed, God'ed, e Bearing True Witness (Dar-us-Salam). I suoi libri e articoli possono essere trovati sui suoi siti web, www.EighthScroll.com e www.LevelTruth.com, e sono disponibili per l'acquisto tramite www.Amazon.com.

 

Related Articles with Le grandi domande (parte 3 di 3): La necessità della rivelazione