Quattro Domande Frequenti sull'Islam

Site Team

1.     Che cos’e l’islam?

 

L'Islam è il nome attribuito a tale religione, o più propriamente, al modo di vivere, che Dio (Allah) ha rivelato e che fu praticato da tutti i profeti e messaggeri di Dio (su di loro la pace) che Egli, nella Sua infinita Saggezza, inviò al genere umano.  Anche il nome è unico e si distingue dalle altre religioni, in quanto segnala uno stato di essere e non nasce dal nome di una persona in particolare, così come il cristianesimo prende il nome da Cristo, il buddismo da Buddha, o zoroastrismo da Zoroastro, il giudaismo da una tribù, o da una nazione come l'induismo.  La radice della parola araba, da cui deriva Islam,  implica la pace, la sicurezza, il saluto, la protezione, l'irreprensibilità, la salubrità, la sottomissione, l'accettazione, la rinuncia, e la salvezza. Islam significa precisamente essere in stato di sottomissione a Dio, adorare lui solo, e con riverenza accettare ed obbedire alla Sua legge. Attraverso questa sottomissione, la pace, la sicurezza, e il benessere  vengono raggiunti nel loro significato letterale. Quindi, un musulmano è una persona (maschio o femmina), in stato di sottomissione al suo Creatore. L'Islam di una persona si indebolisce attraverso i peccati, l'ignoranza e le cattive opere, e diventa annullato nella totalità associando a Dio dei consoci o non credendo in Lui.

 

2.     Chi sono i musulmani?

La parola araba "musulmano" significa letteralmente "uno che è in uno stato di Islam (sottomissione alla volontà e la legge di Dio)". Il messaggio dell'Islam è ideato per il mondo intero, e chiunque accetti questo messaggio diventa musulmano. Alcune persone credono erroneamente che l'Islam sia una religione per gli arabi, ma niente potrebbe essere più lontano dalla verità.  In realtà, oltre l'80% dei musulmani di tutto il mondo non sono arabi! Anche se la maggior parte degli arabi sono musulmani, esistono arabi che professano altre fedi. Se si desse solo uno sguardo ai vari popoli che vivono nel mondo musulmano, dalla Nigeria alla Bosnia e dal Marocco all'Indonesia, sarebbe abbastanza facile vedere che i musulmani provengono da diverse etnie, culture e nazionalità. L'Islam è stato sempre un messaggio universale.  Questo può essere ravvisato nel fatto che alcuni dei primi compagni del Profeta Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) non erano solo arabi, ma anche persiani, africani e romani bizantini.

Essere un musulmano comporta l'accettazione completa ed attiva obbedienza agli insegnamenti e le leggi rivelate da Dio l'Eccelso.  Un musulmano è una persona che accetta liberamente e consapevolmente di basare le proprie credenze, i valori e la fede nella volontà di Dio Onnipotente.

In passato la parola "maomettani" fu spesso usata come etichetta per i musulmani. Questa etichetta è un termine improprio, ed è il risultato di una distorsione intenzionale o pura ignoranza. Essa fu ideata dagli europei i quali credevano che i musulmani veneravano il profeta Muhammed nello stesso modo in cui i cristiani adorano Gesù. Questo non è assolutamente vero, il fedele commete shirk e non è musulmano, se adora qualcuno o qualcosa all'infuori di Allah l'Altissimo.

 

3.     Chi è Allah?

La parola "Allah" è il termine arabo per indicarre “il Dio”, Dio l'Onnipotente, ed è la stessa parola usata dai cristiani ed ebrei arabi. È un dato di fatto, che la parola Allah era in uso molto prima della parola  Dio, poiché l'italiano è una lingua relativamente giovane. Se si dovesse prendere una traduzione araba della Bibbia, si potrebbe vedere, che la parola "Allah"  viene usata proprio come la parola  "Dio" in italiano. Per esempio, i cristiani di lingua araba dicono che Gesù è, secondo la loro credenza canonica, il figlio di Allah. Inoltre, la parola araba per Dio Onnipotente, "Allah", è molto simile alla parola di Dio in altre lingue semitiche. Per esempio, la parola ebraica per Dio è "Elah". Per vari motivi, alcuni non-musulmani credono erroneamente che i musulmani adorano un Dio diverso dal Dio di Mosè e di Abramo e di Gesù. Questo non è certamente il caso, dal momento che il puro monoteismo dell'Islam chiama tutte le persone al culto del Dio di Noè, Abramo, Mosè, Gesù e tutti gli altri profeti, che la pace sia su di loro.


 

4.     Chi è Muhammad?

L'ultimo e definitivo profeta che Dio mandò all'umanità è stato il profeta Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui), possano la misericordia e la benedizione di Dio essere su di lui. All'età di quarant'anni, ricevette la rivelazione da Dio.  Trascorse poi, la parte rimanente della vita spiegando, vivendo gli insegnamenti dell'Islam, la religione che Dio gli rivelò. Il Profeta Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) è il più grande di tutti i profeti, per molte ragioni, ma soprattutto perché fu scelto da Dio per essere l'ultimo dei profeti,  la cui missione di guidare l'umanità avrebbe continuato fino all'ultimo giorno, e perché fu inviato come una misericordia per tutto il genere umano.  Il risultato della sua missione ha portato più gente nella pura fede in un unico Dio di qualsiasi altro profeta. Dall'inizio del tempo, Dio mandò profeti sulla terra, ognuno per la propria nazione specifica. Il Profeta Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui), tuttavia, fu inviato come messaggero finale per tutta l'umanità.

Anche se altre comunità religiose hanno affermato di credere in un solo Dio, con il passare del tempo, alcune idee hanno corrotto le loro credenze e pratiche allontanandoli dal puro monoteismo sincero dei profeti. Alcuni presero i loro profeti e persone devote (definiti santi) come intercessori presso di Dio l'Onnipotente. Alcuni addirittura credevano che i loro profeti fossero le manifestazioni di Dio, o "Dio incarnato" o il "Figlio di Dio". Tutte queste idee corrotte portano al culto di esseri creati al posto del Creatore, e hanno contribuito alla pratica idolatrica di credere che Dio l' Onnipotente possa essere avvicinato tramite intermediari.  Al fine di premunirsi contro queste falsità, il Profeta Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) sottolineò di essere semplicemente un essere umano, con la missione di predicare e di obbedire al messaggio di Dio. Insegnò ai musulmani di fare riferimento a lui come "il Messaggero di Dio e il suo schiavo". Attraverso la sua vita e gli insegnamenti, Dio fece di Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui)  l'esempio perfetto.

Egli fu un profeta esemplare, oltre che statista, condottiero militare, insegnante, vicino di casa, marito, padre e amico.

A differenza di altri profeti e messaggeri, il profeta Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) visse nella piena luce della storia, e tutti i suoi detti e gli atti sono stati meticolosamente registrati e raccolti.  

I musulmani non devono accontentarsi di credere in lui per 'fede' in quanto sanno che la sua esistenza è un dato di fatto. Dio ha assunto su di sé di proteggere il messaggio rivelato a Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) da ogni forma di distorsione. Questo è stato necessario perché Dio ha promesso che Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) doveva essere il messaggero finale al genere umano. Tutti i messaggeri di Dio predicarono il messaggio dell'Islam, cioè la sottomissione alla legge di Dio e l'adorazione di Dio solo, ma Muhammad (la pace e le benedizioni di Allah siano su di lui) è l'ultimo profeta dell'Islam che ha portato il messaggio finale e completo, che non si cambierà mai e ne sarà cambiato fino all'ultimo giorno.

 

Related Articles with Quattro Domande Frequenti sull'Islam