Tutti saremo trattati ugualmente?

Site Team

Saranno tutti trattati giustamente?

 

Assolutamente si. Allah tratta sempre tutti con giustizia ed equità.

 

Però leggi attentamente questi versi del Corano, specialmente riguardo la “Gente del Libro” (Ebrei e Cristiani):

 

“Questi sono i Versi di Allah, che Noi recitiamo a te (o Muhammad, pace su di lui) con verità e Allah non vuole che sia fatta ingiustizia alle creature. Ad Allah appartiene tutto ciò che è nei cieli e sulla terra e tutto a Lui viene ricondotto. Voi [i veri credenti nel monoteismo islamico, i reali seguaci del Profeta Muhammad, pace su di lui, e dei comandamenti da lui portati] siete la migliore nazione suscitata tra gli uomini; promuovete “al-Maruf” (la giustizia, il monoteismo islamico e ciò che l’Islam ha ordinato) e impedite “al-Munkar” (l’ingiustizia, il politeismo, la mancanza di fede e tutto ciò che l’Islam ha proibito) e credete in Dio. Se la “Gente del Libro” (Ebrei e Cristiani) credesse sarebbe meglio per loro. Fra di loro vi sono anche credenti, ma la maggior parte sono “al-Fasiqun” (disobbedienti ad Allah e ribelli ai Suoi Comandi)”.

[Sacro Corano 3:108-110]

 

Chiunque crede in Allah, come Unico Dio e opera il più correttamente possibile e segue i Profeti più recenti inviati da Dio, pace su tutti loro, può essere un buon musulmano (sottomesso alla volontà di Allah) e, come tale, spetta ad Allah giudicarlo essendo Egli giudice di tutto.

 

Allah tratta ugualmente Ebrei, Cristiani e Musulmani?

 

Alcuni possono chiedere se la “Gente del Libro” (Ebrei e Cristiani), che vivono oggi possono essere considerati “salvati” o no.

 

In realtà, gli Ebrei e i Cristiani che credono in Allah come Unico Dio e cercano di obbedire ai Suoi Comandamenti e seguono il messaggero che Egli ha inviato (come Abramo, Mosè, Gesù ecc…), sono nominati più volte nel Corano:

 

“Non tutti sono uguali; tra la Gente del Libro vi sono alcuni che stanno retti [in obbedienza] che recitano i versi di Allah nelle ore della notte, prostrati [in adorazione]; Essi credono in Dio e nell’Ultimo Giorno, promuovono la giustizia e impediscono l’ingiustizia e gareggiano nel compiere buone azioni: quelli sono fra i Buoni. Il bene che fanno non sarà rifiutato. E Allah conosce i Giusti”.

[Sacro Corano 3:113-115]

 

Consideriamo ulteriormente che cosa Allah dice di loro nel Corano: “In verità per coloro che non hanno fede e muoiono infedeli non sarà da loro accettata tutta la terra piena d’oro anche se la offrissero come riscatto.

 

Coloro che muoiono infedeli riceveranno la ricompensa delle loro buone azioni qui sulla terra, in questa vita.

 

Ma le loro azioni non saranno accettate il Giorno del Giudizio anche se pagassero tutto l’oro della terra come atto di obbedienza.

 

Al Profeta fu chiesto di Abdullah bin Jud’an che era solito essere generoso con gli ospiti, servizievole con gli indebitati e che dava cibo (ai poveri), se tutto questo sarebbe stato di beneficio per lui e il Profeta disse di no perché un giorno della sua vita disse: “O mio Signore! Dimenticami fino al Giorno del Giudizio”.

 

Il Profeta Muhammad, pace su di lui, ci disse:

“Se qualcuno della Gente del Libro sente parlare di me e del messaggio con cui sono stato mandato e non accetta di consegnarsi e di sottomettersi ad Allah, l’Onnipotente, in pace (che è l’essenza dell’Islam), allora sarà nel Fuoco.

Allah ci dice nel Corano che Egli è il Migliore dei Giudici e certamente il Giudizio finale spetta a Lui.

-----------------------

http://gotoallah.com/

Related Articles with Tutti saremo trattati ugualmente?