V. OCEANOLOGIA BARRIERA FRA L’ACQUA DOLCE E SALATA

Site Team

 

V. OCEANOLOGIA
 
BARRIERA FRA L’ACQUA DOLCE E SALATA
 
 
Considerando i seguenti versetti del Corano: "Ha lasciato liberi mari affinché si incontrassero , [ma] fra loro vi è una barriera che non possono oltrepassare . " [ Corano 55:19-20 ]
 
Nel testo arabo la parola barzakh significa una barriera o un divisorio. Questa barriera non è un divisorio fisico. La parola araba maraja significa letteralmente che ' si incontrano e si mescolano a vicenda '. I primi commentatori del Corano non potevano spiegare i due significati opposti per i due corpi dell’acqua, cioè si incontrano e si mescolano allo stesso tempo, c’ è una barriera fra loro. La scienza moderna ha scoperto che nei luoghi in cui i due mari differenti vengono a contatto, c’ è una barriera fra loro. Questa barriera divide i due mari in modo che ogni mare abbia la propria temperatura, salinità e densità [Principles of Oceanography/ principi di oceanografia, Davis, pp. 92-93] Gli Oceanologi sono adesso in una migliore posizione per spiegare questo versetto. C’ è un’inclinazione mai vista acquatica fra i due mari attraverso il quale l’acqua di un mare passa all’altro.
 
 
Ma quando l'acqua di un mare entra nell'altro mare, perde la sua caratteristica che la contraddistingue e diventa, con l'altra acqua, omogeneizzata. In un modo questa barriera serve da zona d'omogeneizzazione di transizione per le due acque. Questo fenomeno scientifico accennato nel Corano inoltre è stato confermato da Dr. William Hay che è uno scienziato e professore delle scienze geologiche all’Università del Colorado, in U.S.A. Il Corano inoltre accenna questo fenomeno nel seguente versetto: "Che vi fatto scorrere i fiumi, vi ha posto immobili montagne e stabilito una barriera tra le due acque"
[ Corano 27:61 ]
 
 
Questo fenomeno si presenta in parecchi luoghi, compreso il divisore fra il Mediterraneo e l'Oceano Atlantico a Gibralter. Ma quando il Corano parla del divisore fra l'acqua salata e fresca, accenna l'esistenza "di un divisorio ostile" con la barriera. " Egli è Colui che ha fatto confluire le due acque: una dolce e gradevole, l'altra salata e amara, e ha posto tra loro una zona intermedia, una barriera insormontabile ."
[ Corano 25:53 ]
 
 
La scienza moderna ha scoperto che in estuari, in cui il raduno dell’acqua salata e l’acqua fresca (dolce) si incontrano, la situazione è in qualche modo differente da quella trovata nei posti dove i due mari vengono a contatto. È stato scoperto che cosa distingue l'acqua dolce dall'acqua salata in estuari è "una zona di picnocline con una profonda discontinuità di densità che separa i due strati." [Oceanography, Gross, p. 242. vedi anche Introductory Oceanography, Thurman, pp. 300-301.] questa divisoria (zona di separazione) ha salinità differente sia dall'acqua dolce che dall'acqua salata [Oceanography, Gross, p. 244 e Introductory Oceanography/ oceanografia introduttiva, Thurman, pp. 300-301.]
Questo fenomeno si presenta in parecchi posti, compreso l'Egitto, in cui il fiume Nilo fluisce nel mare mediterraneo.

Related Articles with V. OCEANOLOGIA BARRIERA FRA L’ACQUA DOLCE E SALATA